Visitare l’atelier della Tonnellerie Baron significa osservare forme e gesti dedicati alla trasformazione dei tronchi in assi e poi assi in doghe. Il savoir faire, dotato di una naturale precisione dei lavoratori dell’atelier ci fa interrogare sulla formazione e la trasmissione di questa arte. Domande per Christophe Cartier, che si fa chiamare solo con lo pseudonimo di “Tobal”, direttore del laboratorio presso la Tonnellerie Baron.

Christophe, sei responsabile del laboratorio presso la Tonnellerie Baron, puoi parlarci del tuo background e dell’atelier di cui sei responsabile ?

Ho cominciato con un primo anno alla Tonnellerie Baron, dopo la mia formazione come Menuisier Carpenter nel 1998. Nel 2000 sono diventato tonnelier. Dal 2014 al 2018 ho ricoperto la carica di Wood Manager (deposito e lavorazione del legno), nel 2018 sono diventato Manager d’Atelier. Oggi gestisco 24 dipendenti (laureati, esperti e apprendisti collaboratori), tutti versatili e sono in contatto costante con le funzioni di supporto: gestione tecnica, risorse umane e gestione amministrativa. In atelier e con i 4 responsabili dei vari settori (legno, tostatura, magazzino e spedizione), coordiniamo la produzione giornaliera, dalla registrazione dell’ordine alla spedizione della barrique.

Quali sono le diverse zone nell’atelier ?

L’atelier è diviso in tre aree :

la-formazione-ed-i-mestieri-degli-uomini-della-tonnellerie

Quali sono le abilità e le qualità richieste per essere un buon tonnelier ?

Conoscere il legno e le lavorazioni è ovviamente essenziale. Il desiderio di apprendere e quindi trasmettere per consentire la trasmissione del savoir faire ancestrale. Avere una buona condizione fisica e doti naturali come abilità e destrezza, acquisite nel tempo.

Come si recluta ? Stai avendo difficoltà ?

Sì, è una realtà, siamo a corto di manodopera e abbiamo un solo centro di formazione nella regione. Le risorse sono quindi scarse e costituiscono il terreno fertile per tutti i collaboratori. I nostri requisiti non sono altro che essere laureati o avere esperienza nel settore del legno. L’attenzione ai dettagli e l’approccio su misura che chiediamo ai nostri dipendenti è il risultato di diversi anni di lavoro nella cooperazione. Dai giovani laureati alle applications spontanee, studiamo tutti i profili perché il successo del lavoro in officina è anche una questione di complementarità. Le condizioni di lavoro sono piuttosto difficili e diamo molta importanza ai valori umani di mutuo soccorso, versatilità e soddisfazione di un lavoro ben fatto.

Com’è la formazione dei giovani collaboratori che si uniscono all’atelier ?

Gli apprendisti preparano una PAC in 2 anni. Si alternano una settimana di corsi e tre settimane in azienda dove hanno familiarità con strumenti come la chasse e i martelli. Il primo passo consiste nell’assemblare le strutture delle barriques: tecnica chiave per il tonnelier. Scoprirà quindi tutte le fasi della produzione. Nell’atelier della Tonnellerie Baron, abbiamo un’area di addestramento in cui ogni apprendista crea una piccola barrique prima di entrare nella produzione a grandezza naturale della barrique.

Quali sono le prospettive di sviluppo per la professione di tonnelier ?

Anni di esperienza consentono al tonnelier di crescere all’interno dell’azienda dove può diventare responsabile, ad esempio, di un centro di lavoro. A sua volta, può anche formare giovani tonnelier tramandando le sue conoscenze, abilità e tecniche. Alcuni finiscono addirittura per creare la propria tonnellerie (creazione e / o riparazione di barriques).

Definiresti il tuo lavoro come un lavoro tecnico o artistico ?

Saper fare una botte rimane un’arte con un’eredità artigianale ancestrale, ma senza tecnica, la barrique non è niente. Devi sapere come modellare le doghe, tostare nella giusta misura, montare o tagliare perfettamente. La destrezza, l’abilità nel maneggiare lo strumento per soddisfare la qualità richiesta rendono il lavoro del tonnelier una professione tecnicamente artistica o artisticamente tecnica !

Quali pensi sia la definizione di “buona barrique” ?

Una buona barrique è quella che soddisfa pienamente le esigenze del cliente. È quella che avrà scrupolosamente rispettato le specifiche: o La corretta selezione dell’origine del legno o Finiture impeccabili o Le proporzioni ideali, bella a prima vista o Qualità assoluta della tostatura o Riproducibilità impeccabile, perno della nostra reputazione La botte deve rendere il vino più complesso nel rispetto della sua identità.
Christophe Cartier Tonnellerie Baron

Christophe Cartier
Manager d’Atelier della Tonnellerie Baron