Tecnico del suono di formazione, dotato di grande slancio creativo, sempre alla ricerca di espandere la sua tavolozza artistica, Tristan, desideroso di stare all’aria aperta e mettere a frutto le sue nuove passioni, si è unito alla Tonnellerie Baron nel febbraio 2021 per piantare, coltivare, nutrire la sua mente e alimentare La nuova mensa Bio di Baron.

Tristan, di recente ti sei unito alle squadre della Tonnellerie Baron come giardiniere. Puoi parlarci di te? Tu chi sei ? Da dove vieni ?

– Nella mia prima vita professionale sono stato tecnico del suono e generalista nel settore audiovisivo. In precedenza, ho lavorato in attività culturali, programmando concerti nei teatri comunali, proiezioni nei cinema della regione parigina. Il problema in questi lavori è che sei molto bloccato e ho sentito che questo mi stava appesantendo lo spirito.

Dopo la formazione in comunicazione ed eventi, ho trovato lavoro nella mediateca e prima di venire qui ho lavorato in un museo d’arte contemporanea, per mostre e opere d’arte e ospitando artisti …

Quando hai iniziato la tua riqualificazione?

– Faccio giardinaggio personalmente nel mio giardino da circa dieci anni. Allo stesso tempo, ho iniziato a interessarmi all’ecologia e quindi sono diventato più sensibile alle questioni ambientali. Ho poi voluto formarmi nella permacultura, nell’agroecologia fino allo studio autonomo e alla sperimentazione a casa su scala molto ridotta. La mia mentalità è cambiata anche nei confronti del rispetto per gli altri e per gli animali e la mia sensibilità è aumentata con la nascita di mia figlia.

Allora vuoi un ritorno alla terra?

– Sto conducendo un progetto agroforestale personale su suoli viventi di pochi ettari (combinazione di alberi e colture, strati di piante sugli stessi appezzamenti), è nell’ambito di questo studio che ho incontrato Nicolas Tombu, che mi ha parlato dei progetti a breve termine della Tonnellerie Baron: realizzare un arboreto di querce rare, un orto per alimentare una mensa biologica, accogliere gli scolari e ideare un percorso didattico, il tutto in un’ottica di salvaguardia della biodiversità.

Senza saperlo, avevamo già delle affinità visto che siamo gli unici due abitanti di Les Gonds a coltivare un giardino di Mandala!

Cos’è l’orticoltura su suolo vivo?

– Prima di nutrire la pianta ad ogni costo senza conoscerne veramente l’impatto, è l’azione di nutrire il terreno che è essenziale. Questo modo di pensare è molto più sostenibile. Perché una foresta e un prato crescono “da soli” quando abbiamo difficoltà a coltivare i nostri ortaggi? Perché il problema dell’agricoltura oggi è arare! Ribaltando costantemente la terra, gli organismi che esistono al di sotto dei 15 cm muoiono. Asciugiamo il terreno e alla fine finiamo con il cemento. Presto non avremo più scelta, dovremo rifare i suoli viventi.

Come procedere in questo caso?

– Ricostruendo la biologia del suolo, grandi apporti di materia organica, compost, paglia, letame … Ci vorranno in media 2, 3 anni per arrivare all’ottimale. Il risultato: avremo una qualità almeno altrettanto buona di prima, se non migliore, pur avendo input ridotti con prodotti di qualità e più nutrienti.

E la Tonnellerie Baron?

– In questo caso si tratterà anche di realizzare l’orticoltura su suolo vivo su 30 parcele e con alberi da frutto. Già quest’estate dovremmo iniziare a raccogliere frutta e verdura dall’orto per la mensa dei dipendenti. Nella mia nuova posizione spero di poter continuare a formarmi, sensibilizzare internamente, riscoprire gusti e trovare soluzioni ai problemi ambientali.

Les Gonds_ 6 Aprile2021

Tristan, jardinier de la Tonnellerie Baron

Tristan Lacheau

Giardiniere di Tonnellerie Baron